«Lavoro 16 ore al giorno, ma ho ancora voglia di divertirmi»

Stagionalità, passione, qualità delle materie prime e, in particolare, pesce fresco. Questi gli ingredienti che stanno alla base del successo trentennale del ristorante Lorenzo di Forte dei Marmi. Gioacchino Pontrelli, 49 anni, è l’Executive Chef di questa realtà leader della Versilia e della Toscana che è riuscita a riconfermarsi nella guida Ristoranti d’Italia con la valutazione massima delle Tre Forchette. Dopo alcune brevi esperienze di gioventù a Firenze, Napoli, Capri e Camaiore, Pontrelli, originario del salernitano, è stato scoperto “giovanissimo” dal titolare del locale fortemarmino Lorenzo Viani: entrato nella cucina di via Carducci, lo chef si è via via affermato, raccogliendo riconoscimenti su riconoscimenti, grazie al suo stile votato a privilegiare la freschezza dell’ingrediente come protagonista del piatto. A rendere possibile la riconferma (per il quinto anno consecutivo) delle Tre Forchette, oltre alle capacità manageriali della famiglia Viani, sono i piatti di Pontrelli, tra i quali le seppioline di fondale gratinate al profumo di aglio gentile e le bavette “sul pesce”.

Questo l’incipit della mia intervista pubblicata sul blog del master del Gambero Rosso. Buona lettura! 🙂

Fonte foto: Davide Cantoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *