Degustazione verticale di Lugana Dop Molin di Provenza Cà Maiol

Un prodotto originariamente agricolo che sa stare a tavola con i grandi vini. Questa la visione offerta dalla Lugana Dop Molin dell’azienda agricola Provenza Cà Maiol di Walter Contato a Desenzano del Garda, in provincia di Brescia. La verticale di 6 annate proposta al Food and Wine Festival di Roma ha invertito i canoni tradizionali della degustazione e ha preso il via dall’annata 2007, per poi giungere fino al 2012. La prima proposta si è distinta immediatamente all’occhio per un marcato riflesso dorato e una consistenza percepibile in maniera netta al polso. Il legno, figlio di una filosofia con radici negli anni Novanta, fa sentire la sua presenza senza intaccare la freschezza e la finezza del prodotto.  La lettura del vino si mantiene coerente con maggiori concessioni alle note balsamiche fino al 2011 in cui fa segnare un deciso salto di qualità, un salto che a livello temporale segue il primo ingresso in cantina dell’enologo Michel Rolland in qualità di consulente. Acidità pronunciata, struttura allungata e una forte mineralità che accarezza il fumé lasciano una grande leggerezza in bocca. Il 2012 conferma il modo di concepire questo vino e indica per il futuro un percorso fatto di agilità in cui vengono mantenute le proprietà varietali della Turbiana, vitigno alla base della Lugana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *